Chi possiede un iPhone è, nella maggior parte dei casi, anche un appassionato di tecnologia, come lo siamo noi di iPhoneItalia. Proprio per questo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica, denominata “7 notizie per 7 giorni”, nella quale verranno riassunte le 7 notizie di tecnologia più interessanti e curiose della settimana, ma non riguardanti propriamente il mondo iPhone. Un modo per discutere insieme di tecnologia e non far mancare nulla ai nostri lettori! Eccoci arrivati ad un nuovo appuntamento.





Quake 3 installato su un PC grande quanto una penna USB!

Raspberry è un PC presentato alcuni mesi fa e ora mostrato al pubblico con un test molto particolare. Il Rasbewrry è un PC davvero ultra-compatto, basti pensare che è grande quanto una penna USB e monta al suo interno un SoC Broadcom BCM2835 con processore ARM. E c’è di più, tale PC dovrebbe essere commercializzato nel corso del 2012 al prezzo di soli 25$! Si tratta, quindi, di un passo importante verso la informatizzazione di paesi del terzo mondo. All’inizio abbiamo però parlato di un test. E bene, i creatori di Raspberry hanno mostrato come questo PC sia in grado di far girare un gioco come Quake 3 senza particolari problemi. Il gioco è stato eseguito alla risoluzione di 1920×1080 pixel, con un livelli che si attesta intorno ai 20 fps. Non male per un computer da 25 dollari che puoi portare in tasca… [via]

Microsoft paga i dipendenti dei negozi per far consigliare i propri smartphone ai clienti?



Microsoft vuole che tutti gli utenti preferiscano smartphone Windows Phone ad iPhone e terminali Android e per farlo ricorre anche… al pagamento dei dipendenti dei negozi! Stando a quanto riferito da diverse fonti USA, infatti, sembra che Microsoft abbia deciso di investire 200 milioni di dollari per offrire una certa percentuale a tutti quei dipendenti di vari negozi di elettronica che consiglino l’acquisto di un Windows Phone rispetto ad altri terminali. Il pagamento si aggirerebbe intorno ai 10$ per ogni Windows Phone venduto. [via] Nokia: “Telefono a energia solare? Troppo presto…” I laboratori di ricerca Nokia hanno concluso uno studio sulla possibilità di creare telefoni cellulari che facciano uso della sola energia solare per ricaricarsi. I risultati, però, non sono soddisfacenti e i tecnici ritengono che sia ancora troppo presto per implementare integralmente queste tecnologia. Nokia ha infatti testato “sul campo” un telefono a ricarica solare, inviando 5 tester in 4 luoghi distinti: sud della Svezia, Kenya, Mar Baltico e Circolo Polare Artico. I tester hanno affermato che ricaricare un telefono usando solo il pannello solare è possibile, ma anche impegnativo. Nelle zone meno soleggiate, come il Circolo Polare Artico, la ricarica è stata sufficiente per utilizzare il telefono solo per pochi minuti durante una conversazione, mentre in Kenya l’energia non è mai mancata e l’autonomia è stata più che sufficiente. Questo, però, non consente di poter integrare senza problemi una tecnologia di questo tipo, almeno per il momento, anche perché i pannelli solari ingombrano molto e sarebbe impossibile poter realizzare telefoni di piccole dimensioni. Il progetto, comunque, continuerà, dato che la tecnologia di ricarica solare sta facendo passi da gicante. [via] SoundHound rivela le 10 canzoni più ricercate dagli utenti SoundHound è un’applicazione disponibile su iOS e Android che consente di cercare il nome di una canzone semplicemente facendola ascoltare al dispositivo. Gli sviluppatori hanno quindi stilato la classifica dei 10 brani più ricercati dagli utenti, che mostra quindi quei pezzi magari meno conosciuti (non tutti) ma tanto “belli” da portare a conoscerne nome e artista. Ecco la classifica finale: 1. “Pumped Up Kicks” by Foster the People 2. “Someone Like You” by Adele 3. “Party Rock Anthem” by LMFAO 4. “Just Can’t Get Enough” by Black Eyed Peas 5. “Rolling in the Deep” by Adele 6. “Mr. Saxobeat” by Alexandra Stan 7. “Danza Kuduro” by Don Omar & Lucenzo 8. “The Lazy Song” by Bruno Mars 9. “Hello” (Single Edit) by Martin Solveig & Dragonette 10. “Down On Me” (featuring 50 Cent) by Jeremih [via]

Scott Thompson è il nuovo CEO di Yahoo! Dopo oltre tre mesi di ricerca, Yahoo! ha trovato il suo nuovo CEO: si tratta di Scott Thompson, ex presidente di Paypal e di eBay. A lui l’arduo compito di rilasciare il marchio Yahoo, con un motore di ricerca che ha perso tantissima strada nei confronti di Google e diversi altri servizi che necessitano di essere rivisti e modificati. “Scott porta a Yahoo! la sua capacità di stimolare nuovamente l’innovazione e la crescita, esattamente ciò di cui abbiamo bisogno a Yahoo!”, ha detto il presidente del cda del colosso di Sunnyvale, Roy Bostock.

[via] Un set di posate per chi vuole fare la dieta! Volete iniziare una dieta ma non riuscire proprio a resistere ad un bel piatto di pasta asciutta? Ecco a voi un set di posate davvero particolare, che è in vendita al prezzo di 70 sterline (poco più di 80 euro). Ma perché si tratta di posate utili per chi vuole fare la dieta? Semplice, coltelli, cucchiai e forchette sono forgiate con un vero e proprio peso al centro! Sollevare le posate, quindi, diventerà un piccolo esercizio fisico da fare più volte durante il giorno, dato che ogni posata pesa circa 1Kg! Anzi, il cucchiaio arriva addirittura a 2Kg… più palestra di così! [via]

Wikipedia, le donazioni superano i 20 milioni di dollari



C’era aria di crisi per Wikipedia, ma fortunatamente gli utenti di tutto il mondo hanno risposto alla grande, donando oltre 20 milioni di dollari. Puro ossigeno per le casse di un progetto completamente free, che vive grazie a centinaia di server e alcuni collaboratori occupati full-time per gestire l’intero portale. Le donazioni superano il record del 2010, pari a 16 milioni di dollari. Tra i gesti più dispendiosi, si segnala l’apporto considerevole  di Sergey Brin e della moglie che ha consegnato un assegno da ben 500.000 dollari. Attualmente il bacino di portali di Wikimedia raccoglie circa 470 milioni di utenti ogni mese, il quinto al mondo e il primo che non sfrutta nemmeno un pixel delle pagine per la pubblicità. Se in un solo giorno tutti gli utenti donassero 5 dollari si raccoglierebbe la somma necessaria a mantenere il network per un anno intero. Ma sono pochi gli utenti che donano e così ci si basa soprattutto sulla generosità dei grandi enti e associazioni. Le spese di gestione per l’anno 2012-13 ammonterebbero a circa 28 milioni di dollari. [via]

[Fonte]


Tagged with:  

Comments are closed.